Alieni: I Riciclatori di Anime

J. Allen Hynek ipotizzò una cosa interessante:
“Ritengo del tutto possibile che posse esistere una tecnologia, che comprenda sia il fisico che lo psichico, il materiale e il mentale. Ci sono stelle che sono milioni di anni più vecchie del sole. Ci può essere una civiltà che è milioni di anni più avanzata rispetto a quella dell’uomo. Siamo passati da Kitty Hawk  ( il primo volo dei fratelli Wright N.D.T.) alla luna in circa 70 anni, ma è possibile che una civiltà vecchia di milioni anni sappia qualcosa che noi non sappiamo … ipotizzo una tecnologia ‘M & M’ che comprende i regni Mentali e Materiali. I regni psichici, in modo misterioso a noi oggi, può essere una parte normale di una tecnologia avanzata “.

Vari aneddoti e ricerche indipendenti continuano a suggerire che la Hynekiana tecnologia “M & M” possa essere disponibile  anche in una forma simile a un portatile. Forse una piccola, scatola nera, anche se le sue dimensioni tendono a variare nei diversi racconti. Il primo riferimento può essere quello reso dal maggiore Jesse Marcel che ha parlato del relitto Roswell in un’intervista:
“Uno degli altri compagni, Cavitt, credo, ha trovato una scatola di aspetto metallico nero, delel dimensioni di diversi centimetri quadrati. Poiché non c’era modo evidente per aprire questo oggetto, e dato che non sembra essere un pacchetto di strumenti di ogni tipo, si gettò con il resto della roba. Non so quello che poi è successo al box, ma è andato via con il resto del materiale, trasportato a Fort Worth “.
La scatola nera è associata alle esperienze OBE ( Out of Body Experience ) raccontate nel libro “Trasformazione” di Whitley Strieber. Una mattina, verso le quattro e mezza, Strieber ha deciso di provare a utilizzare alcuni dei metodi di Robert Monroe per realizzare un’esperienza fuori dal corpo.
Strieber riferisce di aver avuto successo nel suo tentativo. Dopo aver visto una strana immagine della mano di un grigio, che con una delle sue quattro, lunghe dita, indicava una scatola di due piedi ( circa 60 cm ) appoggiata su un pavimento di colore grigio, Strieber ha vissuto ciò che ha descritto come un’ondata di sentimento sessuale, dopo di che si trovò a galleggiare sopra il corpo come un “campo approssimativamente sferico”. Si muoveva nel suo stato non fisico, passando attraverso oggetti solidi, e vide due cose curiose. Il primo è stato il suo gatto, che non era con lui in camera, ma a New York City; l’altro era la faccia di un grigio essere che lo osservata da una delle finestre.
Un altro resoconto di OBE dove si parla di un dispositivo scatolare che suona sorprendentemente simile a quello descritto nell’esperienza di Strieber.
Mentre era nella sua roulotte, sdraiata sul divano dedicata alla lettura, nel mese di luglio del 1986, Betty Andreasson riferisce di aver sentito un ronzio particolare e poi ha trovato un grigio in piedi accanto al divano. La Andreasson ha raccontato che “l’essere aveva messo una piccola scatola o qualcosa sul divano”, dopo di che si ritrovò in piedi, guardando a se stessa, ancora sdraiata sul divano. Si è poi trasferita verso il grigio, poi di nuovo spostatasi verso se stessa, e aveva paura di scoprire che la sua mano poteva passare attraverso il suo corpo.
Questo dispositivo portatile, scatola nera, sembra essere una unità di contenimento per la coscienza come graficamente esemplificato nel libro di Karla Turner “Masquerade of Angels” dove riporta i dettagli di un racconto dalla sessione di  regressione guidata di Barbara Batholic, con Ted Rice durante il quale egli ricordò un’esperienza di abduction vissuta all’età di otto anni.
Ted Rice venne portato in una stanza e messo contro una piastra metallica che si trovava nel centro del locale. Vi erano due “accompagnatori” grigi, ed una donna dai capelli rossi, entrata nella stanza poco dopo. I grigi lo spogliarono e la donna poi attivò alcuni pulsanti e interruttori, la piastra metallica cominciò a cambiare colore. A giudicare dai monitor, la macchina sembrava scansionare i suoi organi interni.
La piastra metallica, su cui Teddy aveva la schiena poggiata, all’improvviso si ribaltò indietro fino ad assumere una posizione orizzontale; ora Ted Rice stava sdraiato sulla schiena e la piastra metallica era diventata un tavolo. Sollevando la testa, Rice vide i grigi che gli si avvicinavano e gli poggiarono sulle orecchie un dispositivo simile ad una cuffia che ha emetteva un rumore doloroso, intanto lo costrinsero a bere un bicchiere di liquido verde luminoso che gli diede sensazioni corporee strazianti, in ultima analisi, facendolo vomitare.
Improvvisamente sembrava essere al di fuori del suo corpo, ( questo particolare del liquido disgustoso che provoca l’uscita dell’anima dal corpo è stato raccontato anche da Truman Cash nel suo libro “The Eye of Ra” N.D.T.) osservando il tavolo da pochi metri di distanza. Una nuvola senza forma si alzò dal suo corpo, assumendo poi un’immagine di sé, attaccata al vomito verde sul suo volto tramite qualcosa che a lui ricordava una pianta rampicante ( Tenril: viticcio N.D.T.)
“La donna aliena ha preso un oggetto nero, una scatola rettangolare, che ha portato verso il tavolo dove il corpo di Teddy era sdraiato”, scrive Turner. Con un unico movimento, girò il suo corpo ( quello di Ted ) sotto-sopra e mise la scatola nera sulla zona delle spalle. La donna poi collegò dei fili alla scatola, e in qualche modo la attivò. L’immagine dello spirito di Ted venne lentamente risucchiata nella scatola, che la donna poi rimosse e ripose sul bancone.
Poco dopo lei, l’aliena, chirurgicamente tagliò la testa di Ted Rice con un aggeggio laser e lui non vide più nulla. Quando si risvegliò, si trovò in una grande stanza con filari di vasche contenenti pezzi di carne che galleggiava in un liquido rosso scuro. Un’apertura sul lato di una vasca pomò fuori una sorta di bolla rossa e un grigio la raccolse lo lavò in un lavandino nelle vicinanze e che poi lo mostrò a Ted, presentandolo con quello che sembrava essere un neonato umano.
Il grigio poi mise il bambino dentro di un armadio a muro e chiuse la porta mentre un suo compagno grigio attivò alcuni controlli. In pochi minuti una porta si aprì e lui vide un duplicato nudo del suo corpo mutilato. Dopo i grigi portarono il corpo sul tavolo, la donna posizionò la scatola nera sul petto. Anche se Ted non poteva vedere quello che era stato fatto, ha visto il corpo in preda alle convulsioni, poi riprese a respirare.
La scatola venne quindi rimossa dalla donna e i grigi inserirono aghi nella parte posteriore e superiore della testa, il torace, e nella parte inferiore di ogni piede. Hanno messo gocce nei suoi occhi carta vetrata e posero le cuffie sulle orecchie.
Altre storie riguardano tali trasferimenti di coscienza, ma senza i dispositivi portatili della scatola e senza dover fare un clone da zero. In “Taken”, un altro libro di Karla Turner, descrive uno scenario simile, come racconta un’esperienza di rapimento di una donna che si chiama ” Pat “, che ha ricordato di essere in una grande stanza dolcemente illuminata in presenza di un grigio e un maschio umano. Nella stanza vide forme umane all’interno di “scatole sarcofago”, i quali sono stati coperti in una sorta di nebbia bianca ( altro particolare di cui parla anche Truman Cash ), che li sosteneva in uno stato di ibernazione. In uno di questi contenitori colse lo scorcio di un corpo di donna, la quale era convinta fosse il suo “altro corpo”, come in una precedente esperienza in cui era stato detto dalle creature che “stavano facendo una me nuova”
Non solo la Turner racconta di tali casi, purtroppo.
Nella ricerca di Linda Moulton Howe sulle abductions, anche lei si è imbattuta in racconti di camere con tubi cilindrici trasparenti contenenti i corpi in uno stato di ibernazione. Nel corso di un sequestro nel 1978 in Pennsylvania, Wanna Lawson è stata condotta in una stanza piena di tubi alti due metri, trasparenti, all’interno dei quali vedeva corpi umani e alieni.
Mentre lei non sa come è stato fatto, la sua coscienza è stata trasferita in un corpo “alto, magro, dai capelli scuri, femminile” ospitato in uno dei tubi.
Un altro caso di indagine della Howe si occupa di una abduction avvenuta nel 1963 a Porterville, California dell’allora diciassettenne Linda Porter, che è stata presa da uno “scienziato” grigio in una stanza con tre alti tubi, chiari al centro. All’interno dei tubi un vorticoso gas viola e un corpo ibernato, apparentemente umano.
Le è stato mostrato un moribondo di circa quarantacinque anni che giaceva in un contenitore rettangolare trasparente. Dal suo plesso solare è fuoriuscit forma brillante. Aveva un nucleo interno di color bianco incandescente, circondato da un giallo iridescente e un ultimo strato di pastello arancione. questa “energia” galleggiò verso uno dei corpi, un corpo maschile “vuoto” di forse 25 anni di età, che sembrava essere un clone del morto.
Il giovane corpo venne fluttuò in posizione verticale e al di fuori del tubo. La forma luminosa:
“… Poi discese, inserendosi nel corpo nella parte superiore della parte posteriore della testa, fino in fondo a metà tra le scapole. Esso poi si fuse nel corpo completamente e si stabilì davanti alla colonna vertebrale nella zona del plesso solare. Sembrava quindi di allungare se stesso pochi centimetri più su e pochi centimetri verso il basso. Il corpo a questo punto ha assunto un aspetto ‘occupato’ come se la persona fosse semplicemente addormentata.”
Il contenitore rettangolare in cui era posto il vecchio corpo venne poi riempito con un liquido per conservare i tessuti fino alla dissezione. ”
Linda Porter ha anche aggiunto: “Dopo la dissezione, mi è stato detto che il corpo sarebbe stato scartato”, spiegando che “gli alieni pensano che il nostro concetto di funerali sia una barbarie. Per loro non c’è differenza tra una lattina di birra vuota e un corpo vuoto.
“Questo suona incredibilmente simile ad alcune informazioni rivelate da Robert Lazar, che ha affermato di avere lavorato presso il sito S-4 dell’Area-51 in una operazione di “reverse-engineering” su veicoli alieni.
Nei documenti informativi, che comprendevano brevi panoramiche di altri progetti legati alla sua stessa attività, Lazar parla di “un libro che era quasi come una storia dello sviluppo del genere umano”, che “è stato scritto da un punto di vista diverso.”
Qui è dove ha detto che ogni volta che “la parola ‘umano’ si presentava, è sempre stata sostituita con la parola ‘contenitore'” e che “stavano parlando della conservazione dei contenitori, e di quanto siano unici” e che “sono molto difficili da trovare.”
L’implicazione, naturalmente, è che i “contenitori” si riferiscono a corpi umani.
Ovviamente i mezzi tecnologici di distacco dell’anima dal corpo, riporlo, e ri-collegarla ad un altro corpo non è necessaria; sembrerebbe che tutti noi reincarniamo come un processo naturale. La tecnologia della “scatola nera” sembra solo essere utilizzata su rapiti; altri, come l’uomo testimoniato da Linda Porter, sembrano avere una capacità innata per lasciare un vecchio corpo e entrare in un altro corpo intenzionalmente, rendendo la scatola inutile.
La tecnologia in questo caso è ancora apparentemente utilizzata per clonare organi, di preservare gli organi, e consentire agli organismi di accedere dalla coscienza, però. Linda Porter ha spiegato che un nuovo corpo può essere facilmente realizzato e immesso; questo si associa con l’esperienza del giovane Ted Rice.
A volte il trasferimento da un corpo ad un altro non è, evidentemente, veloce come è avvenuto con Ted Rice.
Prendete per esempio il libro di Karla Turner, “Into the Fringe”, in cui scrive di Barbara Batholic e le sue regressioni guidate con Sandy, un’amica di famiglia della Turner. Sandy ha spiegato un incubo ricorrente che ha iniziato quando era molto giovane e aveva avuto una malattia potenzialmente letale. Come Turner descrive:
“Sandy si trova molto vicina a una superficie grigio opaco, il viso a pochi centimetri di distanza. La cosa grigia è un’enorme sfera, così grande che in confronto Sandy è solo un puntino. Qualcosa la sta attraendo o guidando nella sfera, ma lei sta lottando contro la voglia, perché sa che se mai entra nella sfera, lei non tornare mai.”
La Turner ha descritto gli occhi di Barbara sbarrarsi all’ascoltare il racconto di Sandy, perchè anche lei ha confessato di aver visto la stessa sfera quando aveva circa cinque anni di età. In privato, dopo le insistenze della Turner, Barbara svelò i dettagli che non aveva voluto esprimere in presenza di Sandy, già troppo colpita dall’esperienza.
“Quando sono stata portata alla sfera”, ha detto Barbara, “mi è stato detto che si trattava di un “deposito per le anime” dove le anime umane sono in qualche modo riciclate. Se questa è la stessa cosa che Sandy ha visto, credo che lei non sarebbe venuta fuori quella sfera viva.”
Se fosse vero, queste storie sembrano indicare che gli alieni hanno la capacità di guidare, con l’ausilio della tecnologia, un processo di reincarnazione.
Essi possono separare la coscienza dal corpo con raggi di energia invisibili e misteriose scatole nere.
Con queste scatole nere, che possono anche conservare la coscienza.
In ogni caso, ciò sembrerebbe riecheggiare ciò che a Strieber sarebbe stato detto una volta da uno dei grigi, e cioè: “Noi ricicliamo anime”.

Tradotto da questo articolo

Libri consigliati:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...